Translate

martedì 3 maggio 2016

Cos'è più pericoloso? Un dipendente infedele o uno distratto...???

Scegliere bene i propri dipendenti è per un imprenditore uno dei fattori più importanti...
Infatti, avere alle proprie dipendenze, personale non solo professionalmente valido, ma soprattutto capace di garantire quella disponibilità degli orari, prestando altresì la propria opera al di fuori della sede operativa è di per se uno dei fattori fondamentali che incide in quella scelta...
Se poi oltre a quanto sopra, si potrà beneficiare d'ulteriori sue abilità, quali per esempio il possesso di attestazioni formative o di  requisiti certificati, della conoscenza delle lingue o della capacità di interconnessione al web con la capacità d'uso di software diversi da quelli esclusivamente attinenti la professione ricercata, ciò fa sì che s'indirizzi nel migliore dei modi quella eventuale ricerca...
Ma ciò che maggiormente (o forse più di tutte...) dovrebbe far si che la scelta ricada proprio verso quel particolare candidato è certamente la prova concreta che egli possieda un vero e proprio carisma, legato alla propria personalità... da non confondersi con istintivi atteggiamenti istrionici di prevaricazioni, che hanno quasi sempre la premessa di voler ostentare quella propria "sapienza" (il più delle volte inadeguata...), esprimendola anche quando non richiesta, esclusivamente per voler primeggiare (a scapito poi degli altri...)!!!
Bensì si tratta di saper scegliere quegli individui che sanno unire gli aspetti biologici del proprio temperamento, a quelli psichici del carattere, soggetti capaci di creare modelli comportamentali utili e necessari ai fini dell'organizzazione, per stabilire quali regole saranno in grado di modificare l'ambiente in cui dovrà prestare la propria opera...    
Il problema però è che nel nostro paese... si punta principalmente ad avere un altro tipo di dipendente...
Sì, quello che va per la maggiore (in particolare proprio qui da noi in Sicilia...) è il modello "sottomesso" (che nulla centra con l'essere fedele... anzi tutt'altro), quello cioè che fa sempre quanto gli si ordina... senza domandarsi se ciò che gli è stato ordinato sia giusto o sbagliato... (questo soggetto, è infinitamente peggiore rispetto a quei cosiddetti "soldati" di ben note associazioni criminali... perché dimostra d'essere ancor più debole di quei "affiliati" che,  scoperti e catturati, si pentono come "femminucce" diventano così "collaboratori di giustizia"...).
Sono proprio come quei bambini che non hanno mai il coraggio di scegliere e stanno lì... dietro i loro compagni, osservare in silenzio quanto accade, non si espongono e poi come cagnolini, saltano sul carro dei vincitori... che poi è quasi sempre quello del più forte.
Per fortuna però a questi "nati sottomessi", ci si contrappone un'altra serie di soggetti "indipendenti", che ragionano con la propria testa e che operano affinché si trovi sempre la migliore soluzione ai problemi emersi, decidendo il più delle volte, in modo diverso e contrario, a quanto loro imposto!!!
Ma quest'ultimi sono così... incondizionati... ed è per questo loro modo d'essere "ribelli", se pur leali, precisi e corretti, che vengono definiti "infedeli"...
Una strana valutazione (del tutto nostra, regionale...) quella di voler applicare una diversa valutazione di giudizio a chi meriterebbe altra valutazione...
E tutto l'opposto di quanto avviene in altri paesi europei... dove proprio una recente indagine condotta su molte aziende del Regno Unito, ha dimostrato come il rischio rappresentato dai dipendenti "negligenti" è assai se non più grave, al rischio legati ad una loro infedeltà...
Lo studio ha dimostrato come il 57% delle aziende inglesi hanno subito danni a causa proprio della negligenza o per situazioni e azioni errate, da parte proprio di dipendenti "distratti" o che non hanno avuto il coraggio di manifestare, in quei precisi momenti, le proprie perplessità...
In particolare ciò che è stato maggiormente evidenziato, è che quanto accaduto è principalmente avvenuto in quelle aziende che avevano poco investito in "sensibilizzazione" dei dipendenti!!!
La mancanza quindi di un'adeguata formazione delle procedure da adottarsi, l'intuire o il prevedere eventuali iniziative correttive a seguito anche di arbitrarie decisioni da prendere lì sull'istante, è essenziale affinché non si commettano errori.
In quella loro inadeguatezza morale, si dimostra come il non aver compiuto le scelte giuste  ecco, in quel minimo lasso di tempo in cui non si sono intrapresi provvedimenti, si è venuta a creare quel giusto presupposto di violazione o danno, che preso in tempo, sarebbe risultato di modesta entità, ma che successivamente assume proporzioni drammatiche!!!
Per l'ennesima volta, l’inerzia si è dimostrata più negativa della stessa efficienza!!!
Nel voler ricercare ad ogni costo la salvaguardia della propria immagine o del proprio posto di lavoro, nel non aver saputo proporre o decidere, si è accettato di operare in modo negligente... Chissà forse il tempo non sarà in grado di far emergere quei comportamenti sleali compiuti... come probabilmente non ci si dovrà giustificare dinnanzi a qualcuno per quanto commesso... ma sono certo comunque che alla fine, prima o poi, con la propria coscienza... ci si dovrà confrontare!!!
E' solo una questione di tempo...

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo