Translate

mercoledì 15 giugno 2016

C'era una volta l'Edilizia!!!

Riguardando l'album dei ricordi, ho rivisto delle foto bellissime... sono reminiscenze che tornano a galla dopo essere state per troppo tempo sepolte...
Ripenso a quando ho iniziato, alla mia professione, alle soddisfazioni che mi ha dato nel corso degli anni... alle persone che ho conosciuto, ai colleghi di lavoro e a tutti quelli che ormai purtroppo non ci sono più...
C'era chi era come un padre, per esempio l'Ing. Emanuele Rimini, altri come fratelli ed altri ancora amici... ma con ognuno di loro, ho diviso esperienze lavorative (in italia e all'estero) che -se pur a volte pericolose- ripeterei...
Ripenso a quanti non ci sono più... a Carmelo Anastasi e alle nostre vicissitudini passate in Ucraina, mi rivedo a Jena (in Germania) con l'affabile "traduttore" Torrisi... e per ultimo l'amico Gaetano Breci...
Poi ci sono quelli con cui eri legato ed ora hai perso ed altri che se pur lontano... ti sono rimasti vicini, penso a Jerry da Omegna, Michele da Rapallo e Claudio da Genova, ed anche altri ben più vicini... come Francesco, Gino e Giuseppe da Lentini, Castel di Iudica e Ramacca; non ha importanza se non ci si vede più, basta il pensiero e poi... c'è sempre Facebook.
Ricordo inoltro con affetto l'Arch. Renzo e l'amico Salvatore... le cose ahimé... non sempre vanno per come vorremmo, a volte al destino piace mettere i bastoni tra le ruote!!!
L'importante penso è avere avuto nel corso degli anni con tutti un rapporto, onesto e corretto... poi le strade si possono anche separare, ma ciò che vi è stato... rimarrà per sempre indelebile!!!
Quanti anni son passati, 25 anni di cantieri...
Da quel mio primo cantiere di Brucoli (Augusta) per quella base residenziale Usa... all'ultimo importante intervento di Porte di Catania... passando inoltre dalla Libia... all'Ucraina, dalla Germania... alla Francia e poi Verbania, Sondrio, Bolzano, Recco... quanti anni trascorsi senza mai una fissa dimora... ma sempre a girovagare dove mi portava il lavoro...
Erano gli anni d'oro... anni nei quali l'edilizia era di traino per tutti i comparti, periodi di agiatezza che in molti ricordano, perché allora si lavorava "TUTTI" e non si sentiva questa attuale crisi!!! 
Sì... la corruzione c'era anche allora... ed i politici e/o gli amministratori corrotti, non erano di numero inferiori a quelli attuali, ma forse chissà... debbo pensare a quei tempi qualcosa si faceva!!!
Oggi invece c'è lo stallo più completo... niente di niente... mancano per di più gli "Imprenditori" quelli con la I maiuscola... e non come mi diceva... proprio alcuni giorni un mio amico: "sti scaurarocculi" ca tanto s'atteggiunu a forma d'appaltaturi...!!!
Il 90 %  di quanti oggi fanno impresa qui da noi in Sicilia... non sono capaci neppure di fare lo "zero con un bicchiere" eppure... grazie a certi "legami" si trovano ad operare nel mondo dell'imprenditoria!!!
Molti di loro sono dei semplici "prestanome", altri dei piccoli "cottimisti" che sfruttano la propria manodopera (quasi mai regolare ma a "nero"), senza alcun rispetto delle normative vigenti sui contratti di lavoro o su quanto previsto in tema di sicurezza...
E poi cosa aggiungere su tutte quelle procedure devianti dei "subappalti"... 
General Contractor che in qualità di Committenti dei lavori, iniziano sin da subito ad affidare gran parte di quell'appalto alle "abituali" imprese di fiducia... le quali poi successivamente. subappaltano ad altre imprese minori... e via discorrendo... 
E il cosiddetto “subappalto a cascata” che sappiamo bene essere vietato (salvo che per la fornitura con posa in opera di impianti e di strutture speciali) ma che poi nella pratica trova mille modi (irregolari) per essere realizzato e risultare lecito!!!
Cosa dire inoltre di tutti quei contratti misti... similari al subappalto, definiti sub-affidamenti o sub-contratti, ecc... relativi a prestazioni che non sono ufficialmente lavori, ma riguardano la fornitura con posa in opera e il nolo a caldo...
Sarebbe fondamentale definire un criterio distintivo in base al quale si stabilisca una volta e per tutte se la prestazione del sub-affidamento sia qualificabile come lavoro o come prestazione diversa, sottratta al regime del subappalto.
La difficoltà maggiore è ovviamente data dalla “fornitura con posa in opera” di materiali per la quali si renda necessario stabilire quando prevale l’elemento fornitura e quando invece la prestazione lavorativa...
La verità è che il sistema (e soprattutto le imposte previste...) fanno si che si mettano in pratica... tutti questi "meccanismi alternativi", necessari per comprarsi quanti sono designati ai controlli...
Mazzette, tangenti ed assunzioni varie di familiari... che permetteranno così all'impresa di concludere in tempi rapidi e senza ostacoli i lavori in corso, ma soprattutto certi, di aver ottenuto con il minimo sforzo il massimo dei risultati, e cioè quel consistente utile che ora si dovrà tentare di far sparire!!! 
Tutto il resto non ha importanza e non conta come viene realizzata l'opera...
D'altronde se alla base di tutto c'e il cosiddetto “massimo ribasso” (o l'offerta più vantaggiosa) e con la presenza di capitolati e contratti che permettono qualsivoglia "escamotage" e soprattutto, la mancanza di criteri sulle procedure dei controlli sui materiali, sull'identificazione dei lavoratori e dei mezzi in opera, e dove il più delle volte manca la tracciabilità dei fluissi finanziari... di quali regole si sta parlando...   
Infatti, se il settore delle infrastrutture è quello in cui la corruzione degli appalti pubblici risulta più diffusa (il motivo è dato dalle cospicue somme in gioco...) diventa fondamentale aumentare la vigilanza durante la realizzazione dell'opera stessa, soprattutto in sede di controlli della qualità o di completamento dei contratti di opere/forniture/servizi, perché è proprio in questa fase che viene intenzionalmente compromessa l'esecuzione e si da il via a quelle ben note irregolarità... 
E' vero... c'era una volta l'edilizia... quella sana...
Oggi intorno a me... vedo degli "imprenditori" unicamente "rapaci"...

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo