Translate

lunedì 9 gennaio 2017

Il clan "Saguto & Co"....

L'hanno ribattezzato il "Clan Saguto" e fa riferimento all'inchiesta sulla gestione dei beni confiscati alla mafia, in cui è stata indagata per l'appunto, il giudice Silvana Saguto, insieme ad alcuni suoi familiari e collaboratori...
Tra i reati contestati vi sono, corruzione, induzione e abuso d'ufficio, ed è per difendersi dai sopracitati reati, che ha deciso di lasciare provvisoriamente la sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo. 
Il suo posto verrà coperto dal giudice Mario Fontana.
A confermare la notizia è stato direttamente il Presidente del Tribunale di Palermo, Salvatore Di Vitale, che "ha preso atto della disponibilità della dottoressa Saguto ad essere destinata ad altra sezione del Tribunale"...
Quanta delicatezza... ma soprattutto bisogna ringraziare la gentilezza della Dott.ssa, nell'aver dato la sua piena disponibilità a recarsi presso un'altra sezione...
Ma scusate, viene spontaneo chiedersi: ma nel caso in cui questa disponibilità non fosse stata da Lei concessa, cosa sarebbe accaduto???
Sarebbe rimasta all'interno di quel Tribunale continuando a ricoprire quel proprio incarico???
La determinazione con la quale lo stesso Presidente cita le motivazioni, non sono per nulla rassicuranti, mi riferisco a quella corretta procedura giudiziaria e quanto riferisce che si "intende tempestivamente garantire in continuità e piena funzionalità di un organo giudicante, da anni centrale nella strategia di contrasto dello Stato alla criminalità mafiosa", credo che in ogni caso, quella procedura a garanzia di tutti ed in particolare dell'opinione pubblica, sarebbe dovuto essere applicata, l'indomani stesso del ricevimento di quell'avviso di garanzia, che la vedeva per l'appunto indagata dalla procura di Caltanissetta... e non aspettare quasi un anno, per avere conferma, della sua piena "disponibilità"...
Dopotutto si parla di un giro d'affidamenti di beni sequestrati, ad alcuni professionisti (sono indagati oltre che il padre ed il figlio del giudice, anche il marito, l'ingegnere Lorenzo Caramma e l'avvocato Gaetano Cappellano Seminara, titolare di uno studio a cui erano affidate la gestione di diverse aziende confiscate)... per quasi 1 milione di euro....
È questa infatti la somma che il Nucleo di Polizia Tributaria di Palermo (su disposizione della procura di Caltanissetta), ha sequestrato all'ex presidente della sezione misura di prevenzione del capoluogo siciliano e agli amministratori giudiziari a lei vicini...
La Guardia di Finanza che guida il Nucleo di Polizia Tributaria, ha scoperto come queste somme fossero state celate all'interno di un labirinto di conti correnti, quote societarie e beni immobili. 
Certamente la vicenda andrebbe spostata presso un altro Tribunale, perché quello di Palermo, oggi, non garantisce quell'equo giudizio di imparzialità, lo si vede anche, dai continui ribaltamenti e revoche che in questi mesi si sono avvicendati...
D'altronde come vado da sempre ripetendo, quanti sono coloro che possono ritenersi estranei e non ricattabili all'interno di quel palazzo???
Pensate realmente che quel giudice, con l'influenza che aveva all'interno del Tribunale, non sia stato in grado di agevolare alcune richieste dei suoi colleghi, e che ora, forse per quelle concessioni ricevute, stanno "tremando" e sperando di non dover subire anch'essi la stessa sorta, da quelle eventuali sue spontanee dichiarazioni???
Non va dimenticato che ad oggi l'inchiesta, ha portato già all'allontanamento di due magistrati ed ora, al trasferimento della stessa Saguto, attualmente sotto procedimento disciplinare per volere del ministro della Giustizia, che alcuni giorni fa, ne aveva elencato gli illeciti al procuratore generale di Cassazione e al Csm...
Io resto comunque dell'idea, che quanto accaduto a Palermo è già avvenuto anche in altre realtà... e se si avrà la possibilità di indagare in maniera più approfondita, si scoprirà come la vicenda "Saguto" sia soltanto la punta di un iceberg di quel sistema collusivo e corruttivo, mi riferisco alle restanti sezione di "Misure di Prevenzione" dei vari Tribunali della nostra isola... (proprio perché la nostra regione... possiede la maggior parte dei beni sottoposti a sequestro e confisca del nostro Paese...), dalle quali si potrà scoprire, come sono pochi, coloro che, possono permettersi in questo preciso momento, di scagliare una pietra verso l'attuale giudice "indagato" del Tribunale di Palermo...

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo