Translate

martedì 11 aprile 2017

"Confische spa" e quei suggerimenti espressi dall'Agenzia Beni Confiscati...

"Confische s.p.a. - La ragnatela di imprese di mafia", con questo titolo, l'amministratore giudiziario e consulente della procura di Palermo, Elio Collovà, ha descritto i suoi quasi trent'anni d'attività, durante i quali, ha amministrato decine di beni e di aziende confiscate alla mafia...
Se avete visto il video pubblicato dal sottoscritto nella giornata di ieri, sarete rimasti certamente annichiliti, in particolare quando si è evidenziata l'assoluta meraviglia, sui fatti accaduti a Caltanissetta, da parte della A.N.B.S.C. ( Agenzia Nazionale per l'Amministrazione e la destinazione dei Beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata) da parte del suo Direttore, Avv. Dott. Umberto Postiglione, che sembrava cadere (come diceva nel film Checco Zalone) dalle nubi...
La cosa d'altronde - come riportavo ieri- non mi meraviglia affatto, perché costituisce ormai l'andazzo di questo nostro paese... dove ciascuno s'interessa di fare il minimo indispensabile, l'importante però che a fine mese giunga lo stipendio e soprattutto che, quel proprio incarico, scorra senza impedimenti e senza creare ad altri, eventuali problemi...
Di quanto sopra il sottoscritto, ne ha prova certa!!!
Difatti, in data 07.05.2015, aveva segnalato a mezzo Pec, nota personale alla ASBCN sulla gestione "particolare" di alcuni amministratori giudiziari, alla quale era successivamente seguita una ulteriore trasmissione in data 18.09.2015 con la quale il sottoscritto ( allora "Direttore Tecnico" di una delle più importanti Imprese di costruzione Spa in provincia di Catania) offriva -a titolo gratuito- la propria candidatura, per collaborare nella gestione di società analoghe e cioè sottoposte a misure di prevenzione...
Bene in entrambi i casi, posso assicurarvi di non aver ricevuto alcuna risposta!!!
Ecco questo è quanto lo Stato chiede a ciascuno di noi... e cioè di collaborare, di non essere omertosi, di denunciare e via discorrendo... ma quando si compie quanto è corretto fare, ecco che l'impressione che si riceve... è quella che di voi se ne fottono, che quanto fatto da soltanto fastidio, ma soprattutto... ciò che resta, è che i problemi reali, restano proprio a chi ha avuto il coraggio di esporsi, unico su centomila... mentre loro, protetti in quella loro veste... già ognuno di loro, di quel particolare "club dei temerari", non faranno mai parte!!! 
D'altronde lo Stato ha dimostrato di non essere pronto a gestire i miliardi confiscati ogni anno alle mafie.... ed il motivo è legato principalmente a quella mancata volontà di scrivere leggi in maniera chiare, sia sulla confisca che nella gestione amministrativa di quei beni confiscati...
Quanto si è evidenziato ha dimostrato come la gestione dei beni sia divenuta negli anni... un vero e proprio business, per quanti operano all'interno dei tribunali, degli uomini da esso nominati, di tutti quei consulenti legati a filo diretto con quel sistema che permette loro, d'ottenere tanti mandati e poi infine, una serie lunghissima di professionisti (amici, coniugi, figli e parenti vari...) che hanno ottenuto negli anni, incarichi milionari... alla faccia di quella lotta alla illegalità!!!
Quelle società sono diventate per quel "sistema antimafia" una vero affare... che ha puntato principalmente a svuotarle quelle aziende confiscate, rinunciando a priori a fare impresa e portando le stesse al fallimento...
Nei casi opposti, quando le società avevano capacità di realizzare profitti, ecco che allora quegli amministratori ( ovviamente aiutati da quanto avrebbero dovuto controllare... ) si sono trasformati improvvisamente in "business man"... uomini cioè capaci di darsi all'imprenditoria ( senza averla mai svolta...), i quali, attraverso efficaci stratagemmi, sono riusciti a "spogliare a Cristo per vestire a Maria", il tutto con il consenso dello "stato" ( quello però... con la "s" minuscola...)!!!   
Ho letto negli anni, da parte di alcuni soggetti (che operano all'interno di quelle strutture), che nel concreto, manca la volontà politica di cambiarle questo stato di cose...
Ma viene spontaneo chiedervi: con un sistema come questo, che produce benessere per tutti... che motivo c'è di cambiarlo...??? Anzi, il motto che passa è: "facciamo in modo che le cose restino per sempre... per come sono"!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo