Translate

venerdì 30 marzo 2018

Alla ricerca di... Matteo Messina Denaro!!!

E' dal 1993 che non se ne sa nulla...
La sua latitanza sembra avvolta nel mistero...
Molti dicono che sia scomparso... ma poi improvvisamente qualche pentito inizia a parlare e dichiara... che è vivo e vegeto!!!
Certo, se dovessimo valutare le nostre forze dell'ordine per la celerità con le quali giungono agli arresti di molti suoi latitanti... abbiamo poco da stare allegri...
Come dimenticare, ad esempio Riina, Provenzano, ed altri come Graviano, ecc...
Sì, col tempo... tutti poi presi e buttati al carcere duro... ma non per lui, già, non per Matteo Messina Denaro, l’ultimo della famiglia dei corleonesi, che resta ancora a piede libero...
Di lui si ha una sola foto, poco più che trent'enne... modificata successivamente al computer, immaginando come sarebbe potuto essere...
Ed allora, proviamo ad immaginare come potrebbe essere quel fantasma... perché di questo finora si tratta... coperto da quei pochissimi referenti, che lo proteggono dalla cattura!!!
Già, a differenza dei suoi predecessori, egli utilizza l'unico espediente possibile per non farsi catturare... ridurre al minimo, quei pochi contatti diretti con quei suoi uomini  di fiducia...
Nulla si sa... e nulla si deve sapere... qualcuno dice addirittura che abbia abbandonato il proprio territorio, una circostanza che da sempre ho ritenuto impossibile, poiché costituirebbe un fatto insolito per quel sistema criminale e soprattutto perché farebbe decadere immediatamente quel capomafia...
Già... non bisogna mai dimenticare, che sono in molti, tra quegli affiliati, a voler aspirare a quel comando... e come ho riportato in un mio precedente post: "Il pastore sta sempre vicino alle sue greggi, si allontana ogni tanto per salire sul monte, alla ricerca di un nuovo pascolo... ma lascia i suoi cani a guardia di quelle pecore e in ogni caso, seppur lontano,egli da lassù... le controlla e osserva che nessuno tra quei suoi cani, trasgredisca al compito assegnato"!!!
Ecco perché ogni tanto si fa vivo e distribuisce ordini ai suoi capi-mandamento, attraverso l'unico sistema valido e collaudato, meglio conosciuto con il nome di «pizzino». 
Trovare quel nascondiglio è quasi impossibile... e difatti gli investigatori hanno in questi anni, fatto un buco nell'acqua!!!
Va aggiunto inoltre che il sistema approntato di protezione, ha funzionato finora alla perfezione...
D'altronde saranno in molti a godere di quei favori ricevuti... innanzitutto i politici, che grazie ad egli riescono ad ottenere quei voti necessari per la propria candidatura... poi vi sono gli imprenditori che ottengono gli appalti desiderati ed infine i professionisti, che si mettono a disposizione di quell'apparato che garantisce loro, clientela e promozione...
A quanti sopra si sommano tutti quei semplici cittadini, che amano quel loro capo, considerato da molti, generoso e magnanime... circostanza quest'ultima, dimostrata dalle intercettazioni dalle microspie degli investigatori... 
Sì è vero... lo Stato è riuscito a sequestrare i beni di quei suoi parenti e amici prestanome, individui che erano in possesso di cifre a sei zeri, ma in confronto al potere economico e finanziario in suo possesso... quanto compiuto, non è altro che la perdita d'utili di un mese!!!l 
Le operazioni... hanno fatto sì "terra bruciata", ma in fondo il boss continua la sua vita come sempre... in clandestinità, forse... 
Non è detto anche che in questo preciso momento, egli stia girando il mondo insieme ai suoi figli, oppure si trovi in una qualche isola, chissà uno dei tanti paradisi fiscali, nei quali sono stati depositati, la maggior parte dei tesori accumulati negli anni da cosa-nostra...
Miliardi e miliardi di euro, che permettono ad egli di vivere tranquillo, blindato e protetto dalle centinaia di uomini, messi a sua disposizione da quegli stessi governi... 
Vedrete... un giorno forse scopriremo realmente chi sapeva e chi... in tutti questi anni, lo ha di fatto aiutato!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Se mi vuoi seguire, inserisci qui la tua email:

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo