Translate

giovedì 3 settembre 2015

Salvini con Romj Crocitti al Cara di Mineo...


Sono stato invitato venerdì 4 Settembre, da una amica, Romj Crocitti Bellante, a partecipare ad una manifestazione, presso il Cara di Mineo...
Mi ha detto, caro Nicola, ricordo quanto avevi scritto a suo tempo sul problema dell'immigrazione, oggi, a quattro anni di distanza da quell'evento, si sta compiendo quello scempio, cui speravamo entrambi non dovere assistere...
Ti volevo comunicare che insieme al movimento "Noi con Salvini", stiamo organizzando il nostro secondo raduno, per poterci confrontare con i problemi del centro di accoglienza..., in virtù soprattutto di quanto atrocemente accaduto ahimè in questi giorni...
Il programma prevede una manifestazione e ti sarei grato se potessi condividerlo su facebook o pubblicarlo nel tuo blog... 
Sono certo che lo farai, sia per la sensibilità d'animo che da sempre ti contraddistingue, ma soprattutto, in virtù di quella specifica conoscenza diretta che possiedi sulla gestione delle commesse, quando queste di fatto, sono controllate in un qualche modo dallo Stato, esprimendo comunque, quei valori di legalità e di contrasto alla corruzione, che in tutti i tuoi articoli, sono sempre posti in evidenza ed attenzione.
Quindi, venerdi 04 settembre alle 10,30 raduno da Catania... partenza per il Centro di accoglienza - Cara di Mineo - insieme a Matteo Salvini; incontriamoci lì...  tutti insieme!!! 
Come si dice..."detto... fatto".
Avevo letto (da qualche parte...) di questa visita da parte del leader della Lega nella ns. regione e che sarebbe stato forse accompagnato dal segretario della Commissione Nazionale Antimafia, on. Angelo Attaguile...
Certo, la mia speranza è che certe commissioni (costituite ad hoc) individuassero in anticipo le soluzioni da adottarsi, perché crimini come questi (e non mi sto riferendo a quanto accaduto... ) cioè quelli della esplicata corruzione, non debbano emergere sempre conseguentemente il giro dei milioni di euro, e cioè dopo che si è provveduto a foraggiare quanti con quel sistema hanno beneficiato... ma tentare di bloccarne in anticipo la loro mosse e l'eventuale espansione... 
Ora, una soluzione definitiva al problema dell'immigrazione, va trovata celermente, in particolare dopo gli omicidi dei due coniugi di Palagonia, perché nessun altro concittadino, debba trovare la morte, nell'unico posto in cui, ci si dovrebbe sentire tranquilli..., cioè in casa propria!!!
La Sicilia non può più contenere ed in questo modo, questi ed altri immigrati...
Bisogna innanzitutto bloccare il mercato di quegli scafisti direttamente sui luoghi di partenza, trasferendo definitivamente le nostre navi, di fronte le coste libiche ed inoltre, trovare una collocazione provvisoria, per trasferire gli immigrati presenti, in un unico luogo, nel quale è possibile limitarne e controllarne gli spostamenti ( un'isola, una cittadina abbandonata, ecc..), una soluzione che garantisca, almeno, l'incolumità di tutti noi cittadini... 
Non bisogna dimenticare che tra i tanti soggetti sbarcati con i gommoni, c'è ne sono certamente centinaia, che celati sotto le spoglie di profughi, costituiscono di fatto, degli infiltrati "dormienti" di quei gruppi terroristici, che hanno, quale unico scopo di vita, quello di creare attentati nel nostro paese...
Infatti proprio  su quanto sopra è emerso, che da un censimento realizzato, sui circa 3.000 ospiti presenti, soltanto in tre (eritrei) provengono da paesi in cui è universalmente riconosciuto un conflitto bellico in atto, come l'Eritrea, la Siria, l'Iraq, la Libia... mentre i restanti ospiti provengono da tutt'altre zone... quali Nigeria, Senegal, Mali, Ghana, Pakistan, Costa D’Avorio, ecc...,  
E chiaro quindi, che quanto si sta cercando di realizzare è un trasferimento di massa, migliaia e migliaia, di uomini e donne, che tenteranno nei prossimi anni, di giungere nel ns. paese...
Potrebbe esserci dietro ciò, un piano internazionale destabilizzante che preveda come, dietro questi flussi migratori, ci siano grossi investimenti finanziamenti di gruppi economici mondiali, che hanno come obbiettivo, quello di poter creare - in momenti prestabiliti - quei disordini sociali da compiersi nei territori di tutte le nazioni europee, realizzando in tal maniera, quelle influenze nel mondo azionario, determinanti per poter causare ripercussioni negative, in tutte le borse mondiali...
Una strategica programmata reazione finanziaria a catena, da compiersi per chissà quale metodica motivazione... forse anche religiosa.
Istigazione civile o invasione silenziosa??? Dopo tanti secoli, siamo nuovamente qui a difendere il nostro suolo europeo!!!  

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo