Translate

martedì 19 aprile 2016

Il gregge... ha scelto il "greggio"!!!


Dopo il fallimento del referendum per il mancato raggiungimento del quorum, la partita tra i "non contendenti" si è chiusa...
Si soltanto in Italia possono esistere votazioni "folle" come le nostre...
Già, invece di esserci due schieramenti o due leader che si scontrano oppure una diversa espressione di pensiero, qui da noi è totalmente diverso... c'è ne soltanto una che propone... mentre l'altra vince senza partecipare!!!
Difatti... a vincere è stato l'astensionismo!
I risultati hanno comunque espresso un dato importante e cioè che l'86% ha detto di SI!!!
Ed è da questo dato che bisogna ripartire...
Perché non ha minimamente importanza se il quorum non è stato superato o se l'affluenza si è fermata intorno al 31%... e che solo la regione Basilicata ha superato lo sbarramento del 50%...
Ma nel nostro paese si sa come vanno le cose...
Per convincere gli italiani a votare bastava poco... sì poteva -per esempio- realizzare il referendum in un giorno feriale, garantendo ad ogni elettore due ore di permesso retribuito (verificato dalla presenza apposta sulla scheda elettorale) ed allora -statene certi- che quasi tutti gli elettori avrebbero accorso a quelle votazioni pur di godere di un momento di svago... sapendo dopotutto che quel tempo, sarebbe stato loro rimunerato...
Già bastava una miseria per convincere gli Italiani a votare... ed avrebbero sicuramente votato a favore del SI per come è stato di fatto in percentuale il voto appena espresso!!!
So che si stanno concretizzando dei ricorsi... tra cui uno in sede europea per la violazione, da parte dell'Italia, delle norme che disciplinano l'estrazione degli idrocarburi... ma ciò che mi sembra scorretto nel referendum è che la votazione ha coinvolto tutte le regioni del nostro paese...
PIEMONTE  VALLE D'AOSTA  LOMBARDIA TRENTINO-ALTO ADIGE  VENETO  FRIULI-VENEZIA GIULIA  LIGURIA EMILIA-ROMAGNA TOSCANA  UMBRIA  MARCHE LAZIO ABRUZZO MOLISE  CAMPANIA PUGLIA  BASILICATA CALABRIA  SICILIA SARDEGNA, per votare un referendum che coinvolgeva solo una parte di queste regioni... e dove solo quelle poche rischiano direttamente a causa delle trivellazioni i maggiori danni e mi riferisco alle regioni Emilia-Romagna, Veneto, Puglia, Basilicata e soprattutto la Sicilia!!!
Quindi che senso ha avuto fare votare regioni che non avranno minimamente alcun danno da quegli eventuali disastri ambientali... se non il solo vantaggio economico e che quindi, a maggior ragione, avevano di fatto l'interesse esclusivo a non partecipare...
Ma come si dice... chi la fa l'aspetti ed è di poche ore la notizia che proprio in Liguria (e mi dispiace per quanto sta accadendo... perché lì ho lasciato molti amici...) lungo il corso di alcuni torrenti e fino alla foce, si sta lavorando ininterrottamente per bloccare lo sversamento di petrolio da una condotta del deposito della raffineria Iplom che ha sede a Busalla e che ha rovesciato un'immensa quantità di petrolio nel rio Pianego e Fegino e da questo nel Polcevera....
Vedrete che a breve... appena queste sostanze confluiranno a mare e inizieranno a inquinare non solo la fauna marina ma anche le coste... ecco che allora sì capirà, quanto forse sarebbe stato meglio per loro andare domenica al voto... invece di preferire una classica giornata di sole!!!
Ma noi siamo così... un popolo che deve prima farsi male per iniziare a manifestare la propria libertà!!!
Statene certi che un giorno ci si pentirà di questo referendum...
Dopotutto il tempo (aggiungerei illimitato...) concesse a queste compagnie petrolifere è a favore non solo di esse ma dell'alta probabilità che un disastro possa, prima o poi accadere!!!
Molti credono che sono gli altri a subirle le disgrazie... è il classico pensiero dei fessi, ma quando un giorno ci si ritroverà a doverle affrontare noi le conseguenxei di quelle "falle" (causate da eventuali problemi di trivellazione su una delle tante piattaforme prospiciente le nostre coste) allora si che saranno in molti a capire l'errore fatto!!!
In questi giorni difatti, nessuno ci ha spiegato i rischi ai quali andremo incontro... ma si è puntato esclusivamente a salvare i contratti con quelle compagnie, adducendo la solita scusa dei lavoratori...
Mi chiedo... perché nessuno del governo ha informato cose avviene quando vi è un enorme rilascio di quantità di petrolio nell'ambiente???
Il petrolio ha un peso specifico minore dell'acqua, per cui inizialmente forma una pellicola impermeabile all'ossigeno sopra il pelo libero dell'acqua, causando oltre agli evidenti danni per fenomeni fisici e tossici diretti alla macro-fauna, un'anaerobiosi che uccide di fatto il plancton
Successivamente la precipitazione sul fondale dello stesso... replica l'effetto sugli organismi bentonici.
La bonifica dell'ambiente danneggiato richiede decenni e mai nulla tornerà come prima!!!
Dal 1950 ad oggi... i disastri petroliferi nel mondo sono stati circa 80!!!
Capirete quindi dai numeri l'alta percentuale di rischio... a cui vanno sommae le gravi conseguenze di salute, le ricadute economiche sul settore del turismo, l'aspetto finanziario per l'eventuale bonifica, ecc...  tutte condizioni che in questi giorni di propaganda non sono state minimamente evidenziate!!!
Vorrei concludere con le parole di un amico, consigliere del Pd (Claudio Nicolosi) che ho molto apprezzato e che ha espresso nella sua pagina social di Fb: Io sono andato a votare ed ho votato si. Non solo sono andato a votare, ho anche invitato molti amici a farlo perché sono convinto che in questo momento di confusione politica,  di crisi d'identità sociale, solo la partecipazione può dare risposte. Si è persa un'occasione per dire la nostra, per chiedere chiarezza nelle politiche energetiche, per rivendicare il diritto di esserci. E sinceramente vedere chi cavalca l'astensionismo come se fosse una vittoria mi mette tristezza... I motivi dell'astensione sono molti, dall'impossibilita all'ignoranza, dalla stanchezza al disincanto, di certo chi ha scelto di non andare a votare non ha pensato ai mille posti di lavoro degli ingegneri sulle piattaforme, come ha detto  il nostro presidente del Consiglio. Resta l'amarezza di avere sentito due rappresentanti delle istituzioni invitare la gente alla non partecipazione!  La politica è partecipazione,  deve essere partecipazione altrimenti diventa tirannia.
Ieri, per un po di benessere (più "altrui" che proprio... vedasi le inchieste in corso da parte della procura di Potenza...) ha perso per l'ennesima volta la democrazia... mentre ha vinto l'abituale gregge!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo